Agroambiente e Direttiva nitrati

Programma di azione per le zone "Vulnerabili da nitrati di origine agricola"

La tutela dell'ambiente, degli ecosistemi acquatici e della salute umana è divenuta prioritaria per la salvaguardia dall'inquinamento, pertanto nelle zone di cui è stata accertata la vulnerabilità del sistema acquatico da nitrati di origine agricola, risulta indispensabile prevedere misure specifiche finalizzate a correggere tale tendenza, attuando restrizioni che limitino, nella pratica agricola, l'uso dei fertilizzanti ed ammendanti contenenti azoto. Nel 1991 la C.E. con la Direttiva 676 "Direttiva Nitrati" ha dato indicazione agli stati membri di intraprendere le azioni necessarie per individuare le zone a rilevante concentrazione di nitrati nel terreno di origine agricola e le modalità per porvi rimedio.

Per quanto attiene l'applicazione della Dir. 91/676/CEE del Consiglio del 12 dicembre 1991 (Direttiva Nitrati) si precisa innanzitutto che la Regione Abruzzo ha già da tempo provveduto, a dotarsi di un Programma di azione per le zone "vulnerabili da nitrati di origine agricola" nel quale sono riportate le norme tecniche di attuazione e le indicazioni per la gestione dei reflui zootecnici e delle concimazioni azotate delle aziende agricole ricadenti nelle aree vulnerabili da nitrati ed i particolare le indicazioni per la redazione e presentazione dei PUA "Piani di Utilizzazione Agronomica".

Con DGR del 21.03.2005, n. 332, la Regione Abruzzo ha provveduto ad una prima individuazione delle zone vulnerabili ai nitrati di origine agricola (corpi idrici sotterranei: Piana del Vibrata e Piana del Vomano; corso d'acqua superficiale: fiume Vibrata) secondo i criteri dettati dall'Allegato 7/A-I al D.Lgs. 152/99, oggi sostituito dall'Allegato 7/A alla Parte Terza del D.Lgs. 152/06.

Successivamente la stessa Giunta Regionale con Deliberazione n. 383 del 10 maggio 2010 ha provveduto al primo aggiornamento delle aree vulnerabili da nitrati.

E’ stato recepito il D.M. n. 5046 del 25.02.2016 in materia di produzione ed utilizzazione agronomica del digestato ed altri effluenti di origine agricola con la D.G.R. n.738 del 15.11.2016 “MODIFICHE ED INTEGRAZIONI DELLE DELIBERAZIONI DI GIUNTA REGIONALE 9 OTTOBRE 2009 N.500 E 10 MAGGIO 2010 N.383 ED APPROVAZIONE DISCIPLINA REGIONALE PER LA PRODUZIONE E L'UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEL DIGESTATO DI CUI AL D.M.  N.5046 DEL 25 FEBBRAIO 2016.

Gestione del PUA online

Link ai software necessari per la gestione del PUA online

Modulistica

Contatti

Dipartimento Politiche dello Sviluppo Rurale e della Pesca - Servizio Presidi Tecnici di Supporto al settore Agricolo - Ufficio Nitrati e Qualità dei Suoli

Dott. Luciano Pollastri - Telefono 085 9773592